Dovere civico

Grazie alla mia convalescenza ho letto più articoli, post, notizie, commenti e dichiarazioni nelle ultime 4 settimane che nel precedente anno.

Limitando la valutazione ai temi nei quali ho esperienza diretta almeno pluriennale, la qualità e precisione delle informazioni che circolano online è infima e l’onestà intellettuale di chi propone un ragionamento su un determinato tema è a livelli da servo tonto quando va bene e da intelligente imbroglione negli altri casi.

D’altra parte da 70mila anni l’homo sapiens fa quello che gli serve per sopravvivere, non c’è poi molto di nuovo nel fatto che ora lo faccia dietro una tastiera per appagare bisogni psicologici ora che quelli biologici sono meno pressanti.

Quelli che oggi vanno per la maggiore sono professori/professionisti che dietro la copertura di “esperto” propugnano tesi palesemente false perché sono al momento consulenti di una certa azienda o stanno cercando di fare carriera politica, seguiti da persone che nella propria carriera sono stati scoperti essere imbroglioni e/o incapaci ma grazie alla loro verve polemica fanno grande audience tra gli ignoranti rancorosi in cerca di propri simili con i quali fare la clacque del ducetto sguaiato di turno.

Il risultato complessivo è talmente infimo che qualsiasi affermazione di un rappresentante della classe politica italiana, il cui livello medio di competenze scientifiche e/o umanistiche è quello di analfabeta funzionale di ritorno, non ci fa nemmeno più inorridire.

D’altra parte anche gli ignoranti desiderano sopravvivere e per farlo fanno quello che possono: essendo senza competenze la loro unica chance è fare in modo che chi le competenze le ha non abbia modo di costringerli a dimostrare le loro asserzioni.

Per farlo, come in ogni gruppo umano, creano il branco dei loro simili, che viene in loro aiuto come accade in ogni comunità di mutuo soccorso: tu sei ignorante, io pure, aiutiamoci a sopravvivere a qualsiasi costo.

Dato che il numero degli ignoranti è sproporzionato rispetto a quello di chi ha competenze e parla/scrive solo dopo aver letto, studiato, controllato, verificato, la tesi del branco appare poi quella maggioritaria, e questo è il loro unico, vero, obiettivo.

L’unico obiettivo delle persone ignoranti è “essere in maggioranza”, perché è il loro unico modo di sperare di sopravvivere intellettualmente.

Da loro punto di vista, essere maggioranza equivale a avere “ragione” e “il diritto di ottenere quello che desideriamo” e questo è il ciglio del baratro sul quale stiamo ora, schiavi della falsa citazione di Voltaire e dell’idea che in fondo essere comprensivi e politicamente corretti sia un modo più corretto di rapportarsi al prossimo.

Non è il più corretto, è quello che richiede meno fatica e soprattutto non ci si ritorce contro quando siamo noi a comportarci nello stesso modo.

Le parole però hanno un significato, e usare quello corretto, non quello gentile, è l’unico modo certo per trattare correttamente qualsiasi argomento.

Chi mente sapendolo è un bugiardo, chi lo fa per errore è un ignorante. Dirglielo senza mezze parole non è maleducazione ma semplice onestà intellettuale.

Certo, per farlo ci vuole coraggio, ma direi che ne serve molto meno che a lasciare andare le cose come stanno andando ora, verso lo sfacelo totale della logica e del buon senso.

Il diritto di parola e opinione è inviolabile e tale deve restare, ma le persone competenti hanno il dovere di usare le proprie competenze per arginare il disastro, e tutto comincia dall’usare i termini corretti, e non quelli “gentili”, quando si interagisce con chiunque.

Ovviamente per farlo e non avere poi una condanna per diffamazione/ingiurie, prima di interagire si deve essere competenti sul tema, studiare, controllare e analizzare e pensare che ne valga la pena.

Io lo penso, quindi non stupitevi del cambio di linguaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...