Un governo che ha paura è un governo pericoloso

Ieri sera un’amica mi ha chiesto “hai visto cosa è successo a Milano?” e io ho detto di no, ero stato in giro tutto il giorno e non avevo sentito le notizie ma potevo immaginare i cortei, le pietre, qualche vetrina infranta e graffiti ovunque. Stamattina ho visto una foto orribile di alcuni figuri che prendono a bastonate un poliziotto rannicchiato a terra, le auto bruciate e alcune altre foto di quelle che avete visto tutti. Beh, non mi aspettavo che quell’inetto del nostro ministro dell’interno sapesse gestire una manifestazione ma neanche che lo Stato Italiano avesse paura della propria ombra (leggi condanna Bolzaneto).

È ormai chiaro, non solo a me, che il nostro primo ministro non saprebbe gestire da solo nemmeno l’emergenza del proprio water che n0n sgorga: chiamerebbe Luca Lotti che manderebbe a chiamare un elettricista; nel frattempo Filippo Sensi posterebbe le foto su Instagram per documentare l’azione del governo e l’alacre supporto della popolazione e il ministro Boschi dichiarerebbe come sia tutto un complotto delle opposizioni che in precedenza avevano dato parere favorevole all’utilizzo del water.

Il punto però è che un investitore straniero non è interessato solo alle tasse ma anche a come un paese protegge mi propri cittadini, il proprio stile di vita e le aziende che vi lavorano. Diciamo che su questo l’Italia merita un voto bassino, se non proprio gravemente insufficiente.

Per tornare a ieri, premesso che non so nulla sui dettagli e sui tempi, è offensivo per tutto il nostro apparato di difesa vedere che Milano può essere messa a ferro e fuoco da pochi facinorosi armati anche piuttosto male (e ci mancherebbe altro).

Come mai le forze anticrimine che avrebbero dovuto essere all’opera da mesi prima di Expo non hanno scoperto nulla? Erano state messe all’opera e non hanno scoperto niente (non ci credo neanche se me lo dicono loro) o si era sottovalutato il tutto? O magari si era affidato il tutto ad una Polizia ancora sotto choc per la condanna recente e le morti sospette di tanti giovani e quindi non in grado di fare con serenità il proprio lavoro? No, l’idea che si sapesse e si sia lasciato fare per vendetta delle condanne non la voglio neanche prendere in considerazione, tanto meno che i manifestanti sapessero che non sarebbero stati ostacolati.

Qualsiasi sia la ragione, ad un certo punto a Milano sono apparsi dei manifestanti chiaramente intenzionati a portare distruzione. Nessuno vuole punire le intenzioni quindi ok, lasciamoli muovere, ma alla PRIMA vetrina rotta o alla prima auto danneggiata, come mai non sono state fatte intervenire le forze speciali delle quali il nostro governo ha disponibilità?

Ovviamente non ho certezze ma l’unica risposta possibile è che ha avuto paura. Mi piacerebbe che per una volta il governo spiegasse perché li si è lasciati agire e che siano concetti convincenti, non la solita aria fritta.
Il nostro paese ha i mezzi e le professionalità per impedire che atti del genere accadano e li deve impiegare con giusta durezza e questo non ha nulla a che fare con massacrare e torturare dei ragazzi come è stato fatto a Genova.

Ieri il governo ha mostrato di avere paura di proteggere i propri cittadini ed è una cosa molto grave. Se fossimo un paese serio oggi ci sarebbero un sacco di dimissioni, quindi tutti resteranno al loro posto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...